Il debito pubblico

Il debito pubblico italiano, quando e chi lo ha formato

Fonte:http://www.linkiesta.it/debito-pubblico-italiano

    Il debito pubblico, che si manifesta come le obbligazioni emesse dal Tesoro, si forma perché le spese dello Stato sono maggiori delle sue entrate – il deficit pubblico. La differenza, se non è finanziata con l’emissione di moneta, è coperta con l’emissione di obbligazioni. Si deve perciò andare alla ricerca della fonte: come si è formato il deficit.

Più o meno tutti i Paesi sviluppati hanno visto crescere smisuratamente la spesa pubblica a partire dagli anni Sessanta. Quelli che hanno registrato una crescita delle imposte non troppo distante dalla crescita della spesa, hanno oggi dei debiti contenuti. Altri, invece, hanno speso velocemente, con le imposte che crescevano lentamente. Da qui i grossi deficit, che cumulati, hanno prodotto un gran debito.

La spesa pubblica si divide in spesa pubblica “per lo Stato minimo”, e in quella “per lo Stato sociale”. La prima finanzia la polizia, i magistrati, i soldati. Ossia l’ordine, la giustizia, la difesa. La seconda finanzia i medici, gli infermieri, le medicine, gli insegnanti, ecc. Ossia l’istruzione e la salute. Le pensioni sono ambigue, perché sono pagate – attraverso un apposito organismo – a chi è in pensione da chi lavora, quindi sono un trasferimento, non proprio una spesa.

Premesso ciò, la spesa per lo stato minimo è rimasta all’incirca la stessa nel secondo dopoguerra, mentre è esplosa quella per lo stato sociale. Ed è qui il punto. Quest’esplosione è avvenuta in tutti i Paesi europei. Negli Stati Uniti un po’ meno, ma non troppo meno, se si fanno dei conti sofisticati. Dunque non è un fenomeno solo italiano. O meglio, l’Italia spende più di alcuni altri Paesi, ma non “troppo di più”. Il punto è che ha incassato di meno per troppo tempo. (I conti comparati sulla spesa pubblica per lo stato minimo e per quello sociale vanno fatti escludendo la spesa per interessi sul debito, che è il frutto del cumularsi dei deficit nel corso del tempo e non della spesa corrente).

Abbiamo così a che fare con un fenomeno storico. Se abbiamo a che fare con un fenomeno storico, allora la crescita del debito non è attribuibile – se non in minima parte – a un bravo o cattivo presidente del consiglio dei ministri. Il protagonista è il “Processo” e non l’“Eroe”.

In conclusione, l’Italia ha speso più di quanto incassasse per troppo tempo, e si trova oggi ad avere un gran debito pubblico. Fino a quando ha speso più di quanto incassasse? Fino a prima dell’ultimo governo Andreotti. Il conto è fatto guardando la spesa pubblica meno le entrate prima del pagamento degli interessi (il saldo primario). Intorno al 1990 il bilancio dello Stato va in pareggio prima del pagamento degli interessi. In altre parole, non genera un nuovo deficit prima di pagare gli interessi sul cumulato dei deficit prodotti nel corso della storia (il debito).

Da allora il saldo primario è stato o in avanzo, o in leggero disavanzo. Il deficit è stato il figlio del pagamento degli interessi sul debito cumulato. I deficit solo finanziari hanno però prodotto altro debito. La crescita economica (la variazione del PIL) non è mai stata troppo robusta, e perciò il rapporto debito su Pil o è rimasto stabile, o è appena sceso, o è cresciuto. Ultimamente il rapporto è cresciuto molto, perché il PIL (il denominatore) è caduto molto nel biennio 2008/2009 e non si è ancora ripreso.

Leggi il resto: http://www.linkiesta.it/debito-pubblico-italiano#ixzz1fJnn2FFU

10 novembre 2011 – 11:50

 1990-2010: vent’anni, tanto debito e poca crescita

Giorgio Arfaras*
Che rapporto c’è tra il debito pubblico dell’Italia e la crescita del Prodotto interno lordo? La variazione dell’indebitamento dipende certamente da quello che i governi fanno, ma anche da quello che fa per conto suo l’economia. Infografica con una analisi di Giorgio Arfaras, direttore della Lettera economica del Centro Einaudi.

Immaginate un governo che si insedia e che non faccia proprio niente. I conti pubblici dipenderanno allora dall’andamento dell’economia. Se quest’ultima cresce, aumentano le entrate. Il saldo fra le spese, che supponiamo invariate, perché il governo non fa niente, e le entrate fiscali migliorano. Se i conti pubblici prima del pagamento degli interessi (il saldo primario) erano in pareggio, allora, grazie ai maggiori introiti, vanno in attivo (il saldo primario diventa positivo). Il debito pubblico finisce per ridursi, perché una parte dei titoli emessi, quando va in scadenza, viene rimborsata grazie al surplus primario. L’anno successivo il debito pubblico è inferiore. Il deficit pubblico lo si ha lo stesso per l’onere da interessi sul debito, se quest’ultimo è voluminoso. Il debito pubblico alla lunga però si comprime, e dunque gli oneri da interesse scendono. Il bilancio dello stato nel tempo migliora.

Immaginate ora un governo che si insedia e che – di nuovo – non faccia proprio niente. I conti pubblici dipenderanno allora dall’andamento dell’economia. Se quest’ultima non cresce, oppure flette, si riducono le entrate fiscali. Il saldo fra le spese, che supponiamo invariate, perché il governo non fa niente, e le entrate peggiora. Se i conti pubblici prima del pagamento degli interessi (il saldo primario) erano in pareggio, allora, grazie ai minori introiti, vanno in passivo (il saldo primario diventa negativo). Il debito pubblico finisce per crescere, perché vengono emessi nuovi titoli del debito pubblico. L’anno successivo il debito pubblico è superiore. Il deficit pubblico cresce per l’onere da interessi sul debito, perché quest’ultimo è voluminoso e crescente. Il debito alla lunga cresce, e dunque gli oneri da interesse salgono. Il bilancio dello stato nel tempo peggiora.

La noiosa premessa contabile ha lo scopo di chiarire un punto importante. Nella polemica politica si usa accreditare (se le cose vanno bene) o addebitare (se le cose vanno male) ai governi tutta la variazione del debito pubblico. La variazione del debito dipende certamente da quello che i governi fanno, ma anche da quello che fa per conto suo l’economia. Se l’economia cresce, i governi che non fanno nulla vanno bene, e viceversa, se non cresce. Andrebbe, invece, calcolato il merito dei governi. Ossia, di quanto migliorano i conti pubblici, senza il contributo autonomo dell’economia.

In Italia per esempio, i governi di centro sinistra si sono avuti con l’economia che cresceva: nel 1996 il Pil era salito a +1,1%, negli anni successivi cresceva a 1,9, 1,4 e 1,5 fino all’exploit del 2000 con +3,7 per cento. Tornato Prodi a Palazzo Chigi il Pil segnava +2,2 nel 2006 e +1,7 nell’anno successivo. Mentre i governi Berlusconi si sono avuti con l’economia che cresceva meno, o si contraeva: dall’1,9% del 2001 in rapida discesa per l’anno successivo (0,5%) fino alla crescita «0» del 2003. In crescita per il 2004: +1,7 per cento, si attesta allo 0,9% nell’ultimo anno di governo. Nel 2008 la crisi fa segnare -1,2 e peggio ancora per l’anno seguente -5,1 per cento. Solo nel 2010 la crescita è positiva e segna più 1,3 per cento.

Se i governi di centro sinistra e di centro destra non avessero fatto nulla, i secondi mostrerebbero dei conti pubblici peggiori. Una nota tecnica. La maggiore crescita economica migliora l’andamento del debito pubblico. Nel calcolo del rapporto fra il debito e l’andamento dell’economia (il debito/Pil) abbiamo un miglior numeratore (il debito) e un miglior denominatore (il Pil). Il rapporto debito/Pil perciò si riduce. Accade il contrario con una minore crescita o con una flessione dell’economia. Ci sarebbe lo stesso da discutere dei meriti dei governi, anche se si facessero i conti sugli effetti della crescita economica, che è indipendente dal loro agire. Immaginate, infatti, un governo che vara la riforma delle pensioni, ed uno che, a distanza di anni, ne raccoglie i frutti. Il primo governo che ha preso la difficile decisione, non ne raccogli i frutti, perché essi emergono dopo molti anni. Il secondo governo, che non ha preso alcuna decisione, e che si insedia dopo molti anni, ne raccoglie i frutti. Insomma, si capiscono le ragioni della polemica: “i miei governi sono andati meglio” può essere elettoralmente pagante, ma non il merito -vogliamo dire “scientifico”?- delle argomentazioni.



Categorie:Economia, Politica

1 reply

  1. TUTTO IL MONDO E UN PAESE ANCHE QUI IN AMERICA SI VIVE IN CREDITO COMPRA OGGI E NON PAGARE DOMANI NON IMPORTA DOVE VAI TUTTO E UN PAESE TEATRO , STADIO , AEREOPORTO , DEVI PRENOTARE 2 -3 MESI PRIMA ANCHE IN UN RISTORANTE CI SERVE PRENOTAZIONE TUTTO A CREDITO NON VI PREOCUPATE NON PAGO NIENTE COSI IL GOVERNO CI A INPARATO CHI FOTTE FOTTE DIO PERDONA A TUTTI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: